Jump to content
GTA-Series.com Forums
N!ck

Dove siamo?

Recommended Posts

La chimica mi piace, e nonostante il mese di Agosto ancora in corso , in un momento di nullafacenza ho deciso di leggiucchiare il libro di chimica. Aprendo il libro "a muzzo" sono capitato nella pagina che tratta i modelli atomici, ciò che più ha attirato la mia attenzione è stato il modello atomico di Rutherford. Egli ipotizzava che la carica positiva e la massa dell'atomo erano concentrate in una piccola parte dell' atomo detto nucleo mentre gli elettroni si trovavano nel grade spazio attorno ad esso.

Egli paragonò l'atomo a un minuscolo sistema planetario in cui gli elettroni, cosi come fanno i pianeti, ruotano intorno al "sole nucleo" descrivendo orbite circolari. Si spiegava così come mai gli elettroni non andassero a cadere sul nucleo: la forza centrifuga, dovuta al moto di rotazione bilanciava la forza di attrazione.

Letto ciò mi è sorta una domanda: Dove siamo??

Tutti noi sappiamo di essere in un sistema solare. Ci troviamo sulla terra che ,insieme ad altri pianeti, gira attorno al sole e qui mi sorge un'altra domanda: E se il nostro sistema solare ,propio come un atomo, facesse parte di qualcosa di immensamente più grande che non sia l'universo? E che insieme a tutti gli altri sistemi completassimo qualcosa , una materia per esempio. Tutti infatti sappiamo che la materia è costituita da atomi.

Conseguentemente a tutto questo nasce un'ulteriore domanda: E se dentro questi atomi, questi piccolissimi sistemi, ci siano altri esseri viventi che non si immaginano di essere qualcosa che completa qualcosa di estemamente più grande, come noi non possiamo immagiraci di essere in un sistema che completa a sua volta qualcosaltro.

Insieme a tutte le altre teorie su l'idea di universo infinito si potrebbe aggiungere anche questa: infinito perchè non esiste un origine, tutto è composto è tutto compone...

Scusate la confusione, voi che ne pensate. Dove pensate che siamo? In un universo finito, infinito?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest

La chimica mi piace, e nonostante il mese di Agosto ancora in corso , in un momento di nullafacenza ho deciso di leggiucchiare il libro di chimica. Aprendo il libro "a muzzo" sono capitato nella pagina che tratta i modelli atomici, ciò che più ha attirato la mia attenzione è stato il modello atomico di Rutherford. Egli ipotizzava che la carica positiva e la massa dell'atomo erano concentrate in una piccola parte dell' atomo detto nucleo mentre gli elettroni si trovavano nel grade spazio attorno ad esso.

Egli paragonò l'atomo a un minuscolo sistema planetario in cui gli elettroni, cosi come fanno i pianeti, ruotano intorno al "sole nucleo" descrivendo orbite circolari. Si spiegava così come mai gli elettroni non andassero a cadere sul nucleo: la forza centrifuga, dovuta al moto di rotazione bilanciava la forza di attrazione.

Letto ciò mi è sorta una domanda: Dove siamo??

Tutti noi sappiamo di essere in un sistema solare. Ci troviamo sulla terra che ,insieme ad altri pianeti, gira attorno al sole e qui mi sorge un'altra domanda: E se il nostro sistema solare ,propio come un atomo, facesse parte di qualcosa di immensamente più grande che non sia l'universo? E che insieme a tutti gli altri sistemi completassimo qualcosa , una materia per esempio. Tutti infatti sappiamo che la materia è costituita da atomi.

Conseguentemente a tutto questo nasce un'ulteriore domanda: E se dentro questi atomi, questi piccolissimi sistemi, ci siano altri esseri viventi che non si immaginano di essere qualcosa che completa qualcosa di estemamente più grande, come noi non possiamo immagiraci di essere in un sistema che completa a sua volta qualcosaltro.

Insieme a tutte le altre teorie su l'idea di universo infinito si potrebbe aggiungere anche questa: infinito perchè non esiste un origine, tutto è composto è tutto compone...

Scusate la confusione, voi che ne pensate. Dove pensate che siamo? In un universo finito, infinito?

Non me ne intendo proprio di chimica, ma la tua teoria è davvero interessante.

Dopotutto, ogni cosa ha un limite, mi sembra strano che il nostro Universo sia infinito...da qualche parte deve pur finire!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La chimica mi piace, e nonostante il mese di Agosto ancora in corso , in un momento di nullafacenza ho deciso di leggiucchiare il libro di chimica. Aprendo il libro "a muzzo" sono capitato nella pagina che tratta i modelli atomici, ciò che più ha attirato la mia attenzione è stato il modello atomico di Rutherford. Egli ipotizzava che la carica positiva e la massa dell'atomo erano concentrate in una piccola parte dell' atomo detto nucleo mentre gli elettroni si trovavano nel grade spazio attorno ad esso.

Egli paragonò l'atomo a un minuscolo sistema planetario in cui gli elettroni, cosi come fanno i pianeti, ruotano intorno al "sole nucleo" descrivendo orbite circolari. Si spiegava così come mai gli elettroni non andassero a cadere sul nucleo: la forza centrifuga, dovuta al moto di rotazione bilanciava la forza di attrazione.

Letto ciò mi è sorta una domanda: Dove siamo??

Tutti noi sappiamo di essere in un sistema solare. Ci troviamo sulla terra che ,insieme ad altri pianeti, gira attorno al sole e qui mi sorge un'altra domanda: E se il nostro sistema solare ,propio come un atomo, facesse parte di qualcosa di immensamente più grande che non sia l'universo? E che insieme a tutti gli altri sistemi completassimo qualcosa , una materia per esempio. Tutti infatti sappiamo che la materia è costituita da atomi.

Conseguentemente a tutto questo nasce un'ulteriore domanda: E se dentro questi atomi, questi piccolissimi sistemi, ci siano altri esseri viventi che non si immaginano di essere qualcosa che completa qualcosa di estemamente più grande, come noi non possiamo immagiraci di essere in un sistema che completa a sua volta qualcosaltro.

Insieme a tutte le altre teorie su l'idea di universo infinito si potrebbe aggiungere anche questa: infinito perchè non esiste un origine, tutto è composto è tutto compone...

Scusate la confusione, voi che ne pensate. Dove pensate che siamo? In un universo finito, infinito?

Anchio mi sono sempre chiesto questa cosa: non si è ancora arrivati alla subparticella elementare quella che compone i quark, e se la scoprissimo questa potrebbe essere composta da qualcos'altro che è composta da qualcos'altro e così via... così noi potremmo far parte di un infinita scala gerarchica e in ogni atomo dell'universo come noi lo conosciamo potrebbero esserci miliardi di subuniversi e noi potremmo far parte di un iperuniverso... insomma un po' come qui:

">

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La chimica mi piace, e nonostante il mese di Agosto ancora in corso , in un momento di nullafacenza ho deciso di leggiucchiare il libro di chimica. Aprendo il libro "a muzzo" sono capitato nella pagina che tratta i modelli atomici, ciò che più ha attirato la mia attenzione è stato il modello atomico di Rutherford. Egli ipotizzava che la carica positiva e la massa dell'atomo erano concentrate in una piccola parte dell' atomo detto nucleo mentre gli elettroni si trovavano nel grade spazio attorno ad esso.

Egli paragonò l'atomo a un minuscolo sistema planetario in cui gli elettroni, cosi come fanno i pianeti, ruotano intorno al "sole nucleo" descrivendo orbite circolari. Si spiegava così come mai gli elettroni non andassero a cadere sul nucleo: la forza centrifuga, dovuta al moto di rotazione bilanciava la forza di attrazione.

Letto ciò mi è sorta una domanda: Dove siamo??

Tutti noi sappiamo di essere in un sistema solare. Ci troviamo sulla terra che ,insieme ad altri pianeti, gira attorno al sole e qui mi sorge un'altra domanda: E se il nostro sistema solare ,propio come un atomo, facesse parte di qualcosa di immensamente più grande che non sia l'universo? E che insieme a tutti gli altri sistemi completassimo qualcosa , una materia per esempio. Tutti infatti sappiamo che la materia è costituita da atomi.

Conseguentemente a tutto questo nasce un'ulteriore domanda: E se dentro questi atomi, questi piccolissimi sistemi, ci siano altri esseri viventi che non si immaginano di essere qualcosa che completa qualcosa di estemamente più grande, come noi non possiamo immagiraci di essere in un sistema che completa a sua volta qualcosaltro.

Insieme a tutte le altre teorie su l'idea di universo infinito si potrebbe aggiungere anche questa: infinito perchè non esiste un origine, tutto è composto è tutto compone...

Scusate la confusione, voi che ne pensate. Dove pensate che siamo? In un universo finito, infinito?

Ehm, non vorrei smontarti tutto ma non so come dirtelo, il modello di Rutherford si è mostrato assolutamente sbagliato.

La storia degli elettroni che ruotano intorno al nucleo come i pianeti è un'immagine pittoresca che si racconta ai bambini per spiegare il modello atomico. Quindi la risposta è assolutamente no, non esistono esseri viventi dentro gli atomi perchè non sono costituiti da palle che girano intorno ad altre palle.

Un atomo è fatto da un nucleo attorno al quale ci sono funzioni d'onda, e la probabilità di trovare queste funzioni d'onda definisce il numero di elettroni e le forme degli orbitali.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ehm, non vorrei smontarti tutto ma non so come dirtelo, il modello di Rutherford si è mostrato assolutamente sbagliato.

La storia degli elettroni che ruotano intorno al nucleo come i pianeti è un'immagine pittoresca che si racconta ai bambini per spiegare il modello atomico. Quindi la risposta è assolutamente no, non esistono esseri viventi dentro gli atomi perchè non sono costituiti da palle che girano intorno ad altre palle.

Un atomo è fatto da un nucleo attorno al quale ci sono funzioni d'onda, e la probabilità di trovare queste funzioni d'onda definisce il numero di elettroni e le forme degli orbitali.

La favoletta del modello di Rutherford l'ho usata solo per spiegare meglio il mio concetto di universo, che sia falso o vero qui poco importa.

Modificato da nik93

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La favoletta del modello di Rutherford l'ho usata solo per spiegare meglio il mio concetto di universo, che sia falso o vero qui poco importa.

Tu hai detto: "E se dentro questi atomi, questi piccolissimi sistemi, ci siano altri esseri viventi che non si immaginano di essere qualcosa che completa qualcosa di estemamente più grande, come noi non possiamo immagiraci di essere in un sistema che completa a sua volta qualcosaltro."

La risposta è NO perchè l'atomo NON è abitabile, l'atomo è una funzione d'onda. Non ha nessuna analogia con il Sistema Solare, se non che le formule si assomigliano vagamente a meno di una costante moltiplicativa (a riguardo ci hanno fatto libri).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tutti noi sappiamo di essere in un sistema solare. Ci troviamo sulla terra che ,insieme ad altri pianeti, gira attorno al sole e qui mi sorge un'altra domanda: E se il nostro sistema solare ,propio come un atomo, facesse parte di qualcosa di immensamente più grande che non sia l'universo? E che insieme a tutti gli altri sistemi completassimo qualcosa , una materia per esempio. Tutti infatti sappiamo che la materia è costituita da atomi.

Domanda che mi sono posto più volte. :stralol:

Anche l'universo potrebbe essere la particella elementare di qualcosa. :sisi:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Come fai ad esserne assolutamente sicuro? E' inpossibile da dire, e' un incognita a cui la scienza non credo possa dare una risposta. Se esistesse qualcosa di cosi microscopico ma propio piccolissimo, 100.000.000 di volte piu' piccolo di un neutrone, protone ecc. Come fai a dire con certezza di non essere tu stesso su una di queste?

@ sonic

Modificato da nik93

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Come fai ad esserne assolutamente sicuro? E' inpossibile da dire, e' un incognita a cui la scienza non credo possa dare una risposta. Se esistesse qualcosa di cosi microscopico ma propio piccolissimo, 100.000.000 di volte piu' piccolo di un neutrone, protone ecc. Come fai a dire con certezza di non essere tu stesso su una di queste?

@ sonic

Hai meno mezzi di lui, quindi io mi fiderei della sua parola. Non ti ha risposto in quel modo per sminuirti.

Questo non significa però che devi smettere di pensare e ipotizzare: quella domanda me la son fatto io stesso più volte. :sisi:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Che il nostro universo sia parte di qualcosa di più grande, ad esempio l'interno di un buco nero di un universo superiore, è attualmente impossibile da escludere o da dimostrare, ma tra questo e dire che siamo una "particella" di un qualcosa perché il sistema solare assomiglia (molto vagamente, come già detto da Sonic) ad un atomo ce ne passa di acqua sotto i ponti, e mi sembra proprio una teoria senza capo né coda.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Che il nostro universo sia parte di qualcosa di più grande, ad esempio l'interno di un buco nero di un universo superiore, è attualmente impossibile da escludere o da dimostrare, ma tra questo e dire che siamo una "particella" di un qualcosa perché il sistema solare assomiglia (molto vagamente, come già detto da Sonic) ad un atomo ce ne passa di acqua sotto i ponti, e mi sembra proprio una teoria senza capo né coda.

Per esempio nel nostro corpo si potrebbe dire che la particella elementare, il mattone che ci costituisce, sia la cellula. Perchè non si potrebbe ipotizzare con un po' di fantasia che l'universo sia la parte più piccola di un essere vivente per noi inimagginabile e a sua volta quest'ultimo una particella di qualcun'altro e così via? A mio parere è il concetto di infinito che permette di pensarlo. È una teoria stravagante ad ogni modo. :sisi:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per esempio nel nostro corpo si potrebbe dire che la particella elementare, il mattone che ci costituisce, sia la cellula. Perchè non si potrebbe ipotizzare con un po' di fantasia che l'universo sia la parte più piccola di un essere vivente per noi inimagginabile e a sua volta quest'ultimo una particella di qualcun'altro e così via? A mio parere è il concetto di infinito che permette di pensarlo. È una teoria stravagante ad ogni modo. :sisi:

Ma non ha detto che non è ipotizzabile. È paragonare i pianeti ad elettroni che è una ca***ta.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Allora ragazzi stiamo andando un pò verso la filosofia qua, vi dico la mia. Io penso effettivamente che tutto sia un costituente di un "sistema" più grosso autoregolato. Insomma sono un sostenitore della teoria di Gaia.

Però ragazzi "sistema" può essere un qualunque agglomerato di materia-antimateria-vuoto, e autoregolato significa che è costantemente in equilibrio coi propri elementi, e riesce a resistere anche ad un certo livello di perturbazioni da sistemi esterni. Niente che riguardi "organismi superiori" o giganti costituiti da pianeti come cellule, non so se mi spiego.

Poi siamo riusciti a vedere i limiti dell'universo tramite i quasar, ormai sappiamo che l'universo è una bolla in espansione dove i bordi di questa bolla si muovono per la teoria di Hubble a velocità dell'ordine di 5 volte della velocità della luce.

A sto punto mi direte: "ma sonic sei scemo? niente può viaggiare oltre la velocità della luce nella fisica del nostro Universo". E avreste ragione voi, il fatto è che i bordi dell'Universo sono al di fuori dell'universo, e non rispondono alle leggi della nostra fisica. :frankie:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Allora ragazzi stiamo andando un pò verso la filosofia qua, vi dico la mia. Io penso effettivamente che tutto sia un costituente di un "sistema" più grosso autoregolato. Insomma sono un sostenitore della teoria di Gaia.

Però ragazzi "sistema" può essere un qualunque agglomerato di materia-antimateria-vuoto, e autoregolato significa che è costantemente in equilibrio coi propri elementi, e riesce a resistere anche ad un certo livello di perturbazioni da sistemi esterni. Niente che riguardi "organismi superiori" o giganti costituiti da pianeti come cellule, non so se mi spiego.

Poi siamo riusciti a vedere i limiti dell'universo tramite i quasar, ormai sappiamo che l'universo è una bolla in espansione dove i bordi di questa bolla si muovono per la teoria di Hubble a velocità dell'ordine di 5 volte della velocità della luce.

A sto punto mi direte: "ma sonic sei scemo? niente può viaggiare oltre la velocità della luce nella fisica del nostro Universo". E avreste ragione voi, il fatto è che i bordi dell'Universo sono al di fuori dell'universo, e non rispondono alle leggi della nostra fisica. :frankie:

Questa è affascinante e secondo te cosa c'è dietro questa bolla(universo) ? Il nulla assoluto?

A proposito avete mai pensato che se non ci fosse stato quel teorico Big Bang .. non ci sarebbe stato propio niente? Ma non un niente comune , l'essenza del niente, un buio un vuoto che neanche esiste. L'inesistenza dell'inesistenza del nulla. Pensando a tutto ciò certe volte mi sento così fortunato ad essere vivo , cioè la nostra esistenza è tutta opera di casualità ed eventi fortunati (compreso anche il fatto che la mamma abbia incontrato il papà)..

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o effettua il login per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Registrati

Registra un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Login

Hai già un account? Effettua il login qui.

Effettua il Login

  • Visitatori Recenti   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina

×