Jump to content
GTA-Series.com Forums
Gunard

Paradiso e Inferno

Recommended Posts

Non so com'è nella religione cristiana ed ebraica ma in quella islamica la vita è una sorta di prova,la vita che stiamo vivendo ora è soltanto un mezzo che ci porterà alla vita eterna nel Paradiso o alla dannazione eterna nell'Inferno,in questa vita dimostriamo a Dio se siamo degni della vita eterna o no.Potrei aver detto una bestialità assurda ,sto parlando della mia religione ma comunque questo concetto è davvero complicato.

Nella religione cristiana com'è l'Inferno? in quella musulmana è un luogo dove le persone che hanno commesso crimini imperdonabili come l'omicidio vengono bruciate in eterno,una volta che la persona brucia del tutto diciamo che si rigenera e viene bruciata un altra volta continuando cosi per l'eternità.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Shadd, in parte ciò che dici è vero ma i Cattolici ( QUELLI VERI ! ) sanno a ciò che credono, io per esempio fino a qualche anno fa bestemmiavo come un turco davanti alle chiese poi mi sono documentato ho cominciatoa leggere la Bibbia e a studiarla, poi ho letto opere di filosofi teologi e atei, e mi sono reso conto che effettivamente credere è possibile solo se si è consapevoli in ciò in cui si crede, a me quei c***oni che vanno alla messa per "tradizione" o ca***te simili mi fanno incazzare come una bestia o quei quarantenni col BMW che fanno squillare il loro cacchio di iPhone durante le funzioni, tornando ai VERI Cattolici ti faccio un esempio Einstein , che da molti è ritenuto lo scienziato per antomoasia credeva in Dio, e te ne posso citare molti altri.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io credo che dopo la morte ci sia un'altra vita. Chiaramente non credo nell'anima e in qualsiasi aspetto legato alle religioni, semplicemente credo che ci ritroveremo nei panni di una qualsiasi forma di vita, umana o animale che sia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Pluton hai ragione sulla parte di Gesù,i musulmani credono in tutti i miracoli da lui compiuti,la differenza è che noi non crediamo nel fatto che sia il figlio di Dio perché per noi è una cosa al limite dell'assurdo,Dio non può avere né figli né mogli,è unico e nessuno è simile a lui,ovviamente se tu credi che sia suo figlio rispetto la tua religione,ho un grande rispetto per tutte le fedi. Ismaele invece è considerato il progenitore degli arabi perché sposò una moglie egiziana,però non penso sia il primo islamico.

OT: questa è una domanda off topic per Pluton: dato che sei Cattolico credente vorrei chiederti come mai ormai la religione cristiana è presa meno in considerazione,c'è nel senso qua nel mio paese in tanti bestemmiano e non sanno un briciolo della loro religione,non so se la cosa è solo del mio paese ma se non lo è perché c'è cosi poca fede? Anche nei paesi arabi ti assicuro che le bestemmie volano ma c'è molto più rispetto,sull'autobus capita a volte che se uno bestemmia un altro si alza e lo richiama chiedendo rispetto per chi crede in Dio

Credo che l'allontanamento dalla Religione Cattolica di alcuni suoi fedeli sia dovuto alla Chiesa. Ci sono stati troppi scandali e molti si sono semplicemente allontanati, senza cercare di capire e discernere le due cose.

Poi c'è l'informazione, la Chiesa ha dominato per secoli giocando sull'ignoranza e quindi molti si sono ribellati allontanandosene.

Però gran parte del problema nasce dalla famiglia, per motivi che spaziano dal lavoro a quello più ameno, non c'è più affezione religiosa; le preghiere come l'Ave maria o il Padre Nostro, le ho imparate a memoria prima ancora di saper leggere e scrive e fu mia zia ad insegnarmele(la sorella di mio Nonno, morto prima della mia nascita).

Lei viveva con sua sorella in casa con noi e quindi ho respirato la religione sin da piccolo, poi i miei genitori mi hanno insegnato il rispetto per il prossimo ed un primo comandamento: Non fare agli altri ciò che non vorresti che sia fatto a te.

Credo che alla base dii tanto sfacelo ci sia anche la società che per colpa di questa laicità, che dovrebbe renderci più uniti, non fa altro che distruggerci, con tutti quei nuovi falsi dei. (non li voglio elencare per non dimenticarne nessuno)

Anche dalle mie parti la bestemmia è troppo spesso usata, fortunatamente i miei amici non le usano e all'unico che ogni tanto le dice, lo riprendo facendogli capire che potrebbe usare altri epiteti.

Però credo che il Signore sia molto più indulgente con il muratore che ha appena tirato giù un moccolo perché si è appena dato una martellata sul dito indice dopo 8 ore di lavoro, piuttosto di quel prelato che ha abusato del suo potere per scopi diversi da quelli religiosi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

È semplicemente vergognoso come ancora oggi ci si ostini e non si riesca a capire che la religione è tutta opera dell'uomo. Okey che migliaia di anni fa gli uomini non si spiegavano i fulmini o la pioggia quindi hanno ipotizzato l'esistenza di un dio (o anche più) e ci poteva anche stare, ma che questo si tramandi tuttora nell'anno 2013, dove la scienza ti spiega anche perché in alcuni casi caghi più scuro che in altri lo trovo veramente ridicolo.

Dopo la vita terrena (unica e sola) non c'è una beneamata m*****a, per il resto quoto in tutto il post di Shadd. :sisi:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono agnostica ma se dovrei scegliere la cosa che mi sembra più "razionale" (anche se quando si parla di religioni è tutto irrazionale) è la reincarnazione, non so perchè... Per adesso credo che dopo la morte non c'è nulla.

Fondamentalmente sono agnostico (definirmi ateo non mi piace), quello in cui credo è l'uomo e i suoi valori: onore, lealtà, orgoglio, altruismo, forza di spirito. Questi valori sono coltivati dall'individuo nel processo della vita, non credo che gli siano attribuiti da un'entità divina, come non credo esista qualcosa di metafisico dopo la morte.

Detto ciò, rispetto il credo degli altri, per quanto possa essere assurdo (Scientology, tanto per fare un esempio).

Ma cos'è tutta 'sta mania di schifare l'ateismo e definirsi agnostici, quando in base alle vostre opinioni si capisce benissimo che oltre a non sapere cosa sia l'agnosticismo, in realtà siete atei?

Occorre inoltre precisare che la reincarnazione (alla faccia del credere alla cosa più "razionale") non si discosta molta da un dogma religioso...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non è per niente ridicolo,si chiama fede,pure la mia prof di scienze crede che Dio esista,la Terra si trova alla distanza giusta dal Sole,ha un atmosfera perfetta e l'aria è respirabile e permette la vita,tutto questo è stato la scienza a farlo? Ti faccio anche l'esempio del Corano che per noi islamici è il più grande miracolo compiuto,se provi a leggerlo in lingua araba ti accorgerai che non è stato ideato semplicemente da un uomo o un Profeta,ma le parole scritte sono parole recitate da Dio,è una cosa incredibile.

Io prima ho detto che rispetto tutte le fedi,rispetto anche gli atei e gli agnostici,ma dire che le religioni sono una cosa ridicola è una mancanza di rispetto per chi ci crede.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cos'è tutta 'sta mania di schifare l'ateismo e definirsi agnostici, quando in base alle vostre opinioni si capisce benissimo che oltre a non sapere cosa sia l'agnosticismo, in realtà siete atei?

Occorre inoltre precisare che la reincarnazione (alla faccia del credere alla cosa più "razionale") non si discosta molta da un dogma religioso...

Se fossi ateo, mi sarei definito ateo, non credi? La differenza tra agnostico e ateo è che mentre l'agnostico afferma semplicemente l'impossibilità di conoscere la verità sull'esistenza di Dio, l'ateo non crede nell'esistenza di quest'ultimo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma le religioni orientali non sono monoteiste, cioè quelle di epoca pre-cristiano, non mi risulta che siano per un unico Dio.

A cosa ti riferisci quando parli di "religioni monoteiste che hanno come principio Abramo e la sua genie"? Se parli di Cristianesimo e Ebraismo mi sembra un'ovvietà, visto che la prima discende dalla seconda. Quanto all'Islam non mi pare che derivi il nome da Ismaele (per quanto lo riconosca come figura profetica).

L'oro hanno lo Scintoismo e l'Induismo ha più divinità; a quale ti riferisci ??

Non solo, ma in generale non sono politeiste ma panteiste, anche il Buddhismo è difficilmente definibile come monoteismo, sono un complesso di filosofie, pratiche spirituali e pensieri più che religioni vere e proprie.

Shadd, in parte ciò che dici è vero ma i Cattolici ( QUELLI VERI ! ) sanno a ciò che credono, io per esempio fino a qualche anno fa bestemmiavo come un turco davanti alle chiese poi mi sono documentato ho cominciatoa leggere la Bibbia e a studiarla, poi ho letto opere di filosofi teologi e atei, e mi sono reso conto che effettivamente credere è possibile solo se si è consapevoli in ciò in cui si crede, a me quei c***oni che vanno alla messa per "tradizione" o ca***te simili mi fanno incazzare come una bestia o quei quarantenni col BMW che fanno squillare il loro cacchio di iPhone durante le funzioni, tornando ai VERI Cattolici ti faccio un esempio Einstein , che da molti è ritenuto lo scienziato per antomoasia credeva in Dio, e te ne posso citare molti altri.

WTF? Einstein cattolico? :stralol:

Modificato da Zells

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non so com'è nella religione cristiana ed ebraica ma in quella islamica la vita è una sorta di prova,la vita che stiamo vivendo ora è soltanto un mezzo che ci porterà alla vita eterna nel Paradiso o alla dannazione eterna nell'Inferno,in questa vita dimostriamo a Dio se siamo degni della vita eterna o no.Potrei aver detto una bestialità assurda ,sto parlando della mia religione ma comunque questo concetto è davvero complicato.

Nella religione cristiana com'è l'Inferno? in quella musulmana è un luogo dove le persone che hanno commesso crimini imperdonabili come l'omicidio vengono bruciate in eterno,una volta che la persona brucia del tutto diciamo che si rigenera e viene bruciata un altra volta continuando cosi per l'eternità.

L'inferno per la Religione Cattolica è grossomodo identico al vostro, noi abbiamo avuto Dante che ha dato una sua interpretazione, talmente mistica da essere divenuta un'icona.

Ora nessun sacerdote è in grado di dirti come sia esattamente l'inferno, l'unica cosa certa è che è un luogo lontanissimo da Dio e che è di estrema sofferenza.

Per la nostra Religione non ci vanno le persone cattive, ma quelle che hanno deciso di non ascoltare la parola di Dio, pur avendo avuto modo. "A chi sarà dato molto sarà chiesto molto a chi sarà dato poco sarà chiesto poco". Questa frase non si riferisce solo ai beni materiali, ma anche alla Fede; se il Signore ti ha dato tanta Fede e tu non l'hai ascoltato, rischi la dannazione eterna anche se non avessi ucciso nessuno, o se il Signore te ne ha data pochissima, ma quel poco l'hai ascoltata, anche se solo poco prima di morire e anche sei hai vissuto in dissolutezza e peccato, ti sarà concessa la salvezza.

Il discorso è molto più complesso, ma spiega i due cardini della nostra religione, la libertà di scelta tra il bene ed il male e la possibilità a chiunque di redimersi, anche al più grande dei malvagi del pianeta, perché la Misericordia di Dio è infinita ed è in grado di scrutare tutte le Anime. Chiunque è degno della sua grazia e ha il diritto di potersi redimere. Se Dio lo folgorasse a prescindere, non saremmo più liberi.

Il Purgatorio è una cosa di cui il Signore sembra non aver mai parlato, però la Madonna di Medjugorje ne ha parlato molto hai suoi ragazzi e quindi non è certo che sia un'invenzione della Chiesa.

Naturalmente no, sono utili escamotage per tentare di far comportare bene gli uomini che di loro, si sa, sono feccia, ma chi ha un cervello non ha bisogno della religione per sapere come comportarsi.

Se c'è qualcosa dopo la morte, non è nulla di così ridicolmente terreno come "un altro posto".

L'immortalità si ottiene rendendosi memorabili, nel bene o nel male, e ovviamente è meglio il bene. Siamo circondati da persone immortali (Socrate, Cesare Augusto, Pericle, Ieiasu Tokugawa, Salah al-Din, Galileo Galilei, Isaac Newton...) ma neanche ce ne accorgiamo perché siamo troppo intenti a immaginarci un mondo in cui inspiegabilmente, un corpo che invecchia e si decompone viene magicamente riformato nel momento del suo massimo splendore e ficcato in un mondo non meglio specificato dove può essere felice con tutti gli altri, come se per tutti stare insieme al resto dei morti dell'universo possa esser felicità, o in alternativa in tale mondo c'è qualcosa di offensivamente terreno a far felici per l'eternità, come ad ammettere che oltre a ciò che c'è nella vita terrena e mortale, nient'altro è meglio se non ciò che essa contiene.

Mi meraviglio che non siano crollate tutte queste ca***te quando abbiamo scoperto cosa c'era oltre le nuvole, anche se in realtà, che non c'era il mondo incantato delle fate e degli onnipotenti barbuti lo sapevamo già dal 3000 a.C, ma non mi aspetto che chi crede agli unicorni possa conoscere la storia e comprenderla.

Il discorso dello Spirito a dell'Anima non è così semplice come lo hai descritto e nemmeno la resurrezione dei corpi che avverrà nell'ultimo giorno.

Al momento della nostra morte se siamo meritevoli di ascendere a Dio, non ci troveremo come singola Anima, ma come coro di Anime, saremo uno, ma anche un tutto e la vicinanza a Dio non sarà immediata, ma graduale. Tutto questo però sarà al di fuori dello spazio e del tempo, puoi vederla come energia se ti piace vederla così, una grande energia, formata da tante singole energie che da sole non sarebbero capaci di compiere nulla,ma assieme di formare un universo.

Dio prima era il sole, ma questo perché il nostro sguardo era limitato, ora che il nostro sguardo è più ampio, in vece di trovare conferme, cerchiamo negazioni, lo ritengo assurdo.

Ogni volta che guardo una trasmissione sulla teoria del Big Bang, con òle nuove scoperte, non faccio altro che essere sempre più contento perchèm vedo sempre più avvicinare la scienza alla grande verità.

Gioisco perchè il tutto mi affascina, capisco quanto sia grande quello che c'è da scoprire e che nulla ha ancora potuto negare l'esistenza di Dio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Un agnostico non afferma solo l'impossibilità di conoscere la verità sull'esistenza di Dio ma sospende il giudizio sui problemi di cui non ha abbastanza conoscenza,questo è l'Agnosticismo ed è stato citato per la prima volta in una lettera di Sant'Agostino in cui diceva qualcosa verso alcuni studenti dell'accademia di Platone ( non so cosa dica nella lettera però). Penso che tu ti stia riferendo all'Agnosticismo moderno introdotto da Huxley per descrivere la sua posizione rispetto a Dio

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Un agnostico non afferma solo l'impossibilità di conoscere la verità sull'esistenza di Dio ma sospende il giudizio sui problemi di cui non ha abbastanza conoscenza,questo è l'Agnosticismo ed è stato citato per la prima volta in una lettera di Sant'Agostino in cui diceva qualcosa verso alcuni studenti dell'accademia di Platone ( non so cosa dica nella lettera però). Penso che tu ti stia riferendo all'Agnosticismo moderno introdotto da Huxley per descrivere la sua posizione rispetto a Dio

Ovviamente faccio riferimento all'agnosticismo moderno che prese spunto dallo scetticismo.

Tornando invece al discorso di Eistein cattolico...Bhe credo sia più corretto affermare che riassunse da non cattolico il pensiero cattolico.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Shadd, in parte ciò che dici è vero ma i Cattolici ( QUELLI VERI ! ) sanno a ciò che credono, io per esempio fino a qualche anno fa bestemmiavo come un turco davanti alle chiese poi mi sono documentato ho cominciatoa leggere la Bibbia e a studiarla, poi ho letto opere di filosofi teologi e atei, e mi sono reso conto che effettivamente credere è possibile solo se si è consapevoli in ciò in cui si crede, a me quei c***oni che vanno alla messa per "tradizione" o ca***te simili mi fanno incazzare come una bestia o quei quarantenni col BMW che fanno squillare il loro cacchio di iPhone durante le funzioni, tornando ai VERI Cattolici ti faccio un esempio Einstein , che da molti è ritenuto lo scienziato per antomoasia credeva in Dio, e te ne posso citare molti altri.

Il fatto di credere per davvero o per finta ad una menzogna non aumenta il rispetto che provo per chi lo fa. I cosiddetti veri cattolici sono anzi maggiormente pericolosi, perché accecati da ciò che chiamano fede e capaci di molto più di ciò che un falso cattolico potrebbe fare. Sono i veri cattolici come Isabella di Spagna che hanno rovinato ciò che il mondo dotato di ragione aveva costruito, e questo solo per dir eil primo nome che mi viene in mente.

Io credo che dopo la morte ci sia un'altra vita. Chiaramente non credo nell'anima e in qualsiasi aspetto legato alle religioni, semplicemente credo che ci ritroveremo nei panni di una qualsiasi forma di vita, umana o animale che sia.

E come fai, una volta reincarnato, ad esser te stesso se non concepisci un'entità extracorporea che passi da un corpo all'altro?

Il discorso dello Spirito a dell'Anima non è così semplice come lo hai descritto e nemmeno la resurrezione dei corpi che avverrà nell'ultimo giorno.

Al momento della nostra morte se siamo meritevoli di ascendere a Dio, non ci troveremo come singola Anima, ma come coro di Anime, saremo uno, ma anche un tutto e la vicinanza a Dio non sarà immediata, ma graduale. Tutto questo però sarà al di fuori dello spazio e del tempo, puoi vederla come energia se ti piace vederla così, una grande energia, formata da tante singole energie che da sole non sarebbero capaci di compiere nulla,ma assieme di formare un universo.

Mi sono basato sulla definizione di paradiso divulgata da islam e cattolicesimo. Che poi sia una ca***ta è un fatto che rimane invariato a prescindere.

Dio prima era il sole, ma questo perché il nostro sguardo era limitato, ora che il nostro sguardo è più ampio, in vece di trovare conferme, cerchiamo negazioni, lo ritengo assurdo.

Con le tue stesse parole hai detto che dio non è ciò che si credeva che fosse e che man mano che scopriamo più cose lo spostiamo più in là. A me sembra abbastanza palesemente un modo stentato di arrampicarsi sugli specchi per far sopravvivere una cosa che ha obiettivamente fatto il suo tempo. Per non parlare di tutte le vite rovinate o estirpate grazie alla religione ebraica e tutte le sue simaptiche discendenti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o effettua il login per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Registrati

Registra un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Login

Hai già un account? Effettua il login qui.

Effettua il Login

  • Visitatori Recenti   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina

×